Categorie
Giaglionese-Italiano

pan

(s. m.) pane.

In toc de pan un pezzo di pane; pan gratâ pan grattato; pan barbrial pane misto (segale e frumento);

pan dû, vielh pane duro, raffermo; pan de sèila pane di segala, pane nero; pan de froumeun pane bianco;

pan de tsatinheus pane con castagne e farina di segala; pan a l’ouele pane all’olio; pan è lèt pane al latte;

pan de couèita

pane paesano lievitato con lievito naturale e che il fornaio dava ai clienti in cambio di farina da loro fornita,

e tenendo conto dell’aumento di peso e del compenso del suo lavoro (25 lire nel 1950);

pan de pata duřa pane di pasta dura; pan bruzâ pane troppo cotto; pan couèit pane ben cotto;

pan frêc pane fresco; pan mefî pane ammuffito; pan tsô pane caldo; pan pâ levâ pane non lievitato, piatto;

pan èimelhâ din lou lèt pane ammollito nel latte;

micoun miccone; micota pagnotta; batoun baguette; toudesquin pagnotta a forma allungata e spaccata per lungo;

couloun pagnottelle a spicchi; mónha pane a forma allungata; biova biova;  rouzeta rosetta; couřona ciambella;

pan de poumpa pane bianco utilizzato nelle grandi occasioni o alla domenica nell’800;

crutso pezzetti di pane d’avanzo diventato duro; mouleia  mollica; cruta crosta del pane; briza briciola;

lèitsa de pan fetta di pane; cavanha, cavanhin cesti del pane; pan arsetâ pane raffermo; pan nheuc pane poco cotto;

pan tal pane mangiato senza companatico; matsê de pan a tradimeun mangiare pane senza meritarlo,

bravo quéme lou pan d’animo buono; v. sangouis, lievit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 10 =