Cerca nel vocabolario:

Clicca sulle parole per maggiori dettagli e per aiutarci a mantenere vivo ed aggiornato il vocabolario giaglionese

 grop

(s. m.) nodo; plèin de grop, groupasûnodoso, pieno di nodi; lou grop il pomo d’adamo, faře in grop aou moutseû fare un nodo al fazzoletto; v. lou lhas. Tipi di nodi: grop plat nodo piatto; grop droublìe nodo doppio  a scourseû nodo scorsoio; grop dou bousquèiřan nodo del boscaiolo.

a

(prep.) a; a me, a me, a deman, a domani, a foun, a fondo, a san frèt, a sangue freddo, a tatoun, a tastoni. a viene usato per formare alcune locuzioni avverbiali: a boutsoun, bocconi, a cabinheut, coccoloni, a touquèi, sottovoce, a tatoun, a tastoni, a paticóle, addosso, a catsoun, di nascosto, a douèit, con...

abandoun

image available

(s.m.) abbandono; lèisê a l’abandoun, lasciare all’abbandono, lasciare un animale senza sorveglianza.

abandounê

(v.tr.) abbandonare, trascurare, (v.rifl.) abandounèse abbandonarsi.

abatersé

(v.rifl.) scoraggiarsi, v. deicouřadzèse.

abatû

(agg.) affranto ,malinconico.

abe

image available

(s.m.) tonaca bianca utilizzata dai confratelli della Confraternita dello Spirito Santo; l’abe de l’arvitû, la tonaca del confratello, v Don Girardendo, parroco di Giaglione, nel 1781, durante una relazione al primo vescovo di Susa descrive gli arvitû; tra le altre cose scrive che ”i confratelli vestono sacco bianco e che ogni domenica usano cantar a piena gola nella loro tribuna l’ufficio divino con tal disturbo che in...

abè

(escl.) va bene, abè vieno va bene vengo.

abèc

(avv.) addosso, èitre abèc, controllare attentamente una persona.

abèisâ

(agg.) abbassato , messo in posizione inferiore.

abeisê

(v.tr.)  abbassare, diminuire; abeisê la vouèe parlare più piano, v. bèisê.

abeisèse

(v. rifl.)  umiliarsi; abeisèse a faře de tot adattarsi a fare le cose più umili.

abenî

(agg.) tempo uggioso.

abéřê

(v.tr.) abbeverare; abéřê le vàtseus , abbeverare le mucche.

àbil

(agg.) abile al servizio militare.

abilhâ

(agg.) abbigliato , vestito.

abimâ

(agg.) spossato , affaticato.

abimê

(v. tr.) rovinare, guastare, affaticare; abimê li muleut affaticare i muli.

abinê

(v. tr.) abbinare, accoppiare.

abitan

(s.m.)  abitante di un paese.

abòrc

image available

(s.m.) maggiociondolo, (L. Laburnum alpinum).

abôrt

(s. m.)  aborto; v. avourtê.

aboulî

(v.tr.) abolire, v. anulê.

abounâ

(agg.) abbonato , esentato.

aboundan

(agg.) abbondante, in past aboundan un pasto abbondante.

aboutsâ

(agg.) caduto , caduta in avanti con la faccia verso terra.

aboutsê

(v. int.) cadere avanti; ou l’ot aboutsâ per tsamin è caduto per la strada.

abrâ

(agg.) appoggiato , accostato.

abrazâ

(agg.) infuocato , attizzato.

abrazê

(v. tr.) attizzare il fuoco con la brace.

abrê

(v.tr.) appoggiare,addossare,far combaciare.

abreviê

(v.tr.) abbreviare; v. asqueursî.

abrifâ

(s.f.) scatto , fuoruscita d’impeto.